Agopuntura 2000: per quali malattie degli occhi può essere utile l’agopuntura con il metodo Boel?


 Anche in base all’esperienza di migliaia di persone, si è visto che l’agopuntura con il metodo Boel può essere utile per tutte le patologie che comportano una degenerazione od un processo traumatico, come ad esempio: maculopatia degenerativa, retinite pigmentosa, retinopatia diabetica, glaucoma, esiti di ictus, traumi, emorragia o infezione a livello cerebrale.

Per quali patologie degli occhi l’ Agopuntura Boel non è particolarmente indicata?

E’ meno  indicata nel contesto di affezioni  “meccaniche” dell’occhio: miopia, ipermetropia, astigmatismo, e  per cataratta e “mosche volanti”.
In vari casi sono stati riportati dei miglioramenti anche nelle affezioni sopra-indicate, poiché migliora comunque la circolazione e la rigenerazione dei tessuti oculari; in caso di miopia superiore a -8 diottrie è stata in vari casi ottenuta una riduzione del numero di diottrie ed in casi di cataratta (in particolare nei bambini) in cui l’oftalmologo ritiene inopportuna l’operazione per via della concomitanza di altri problemi oculari, l’agopuntura Boel può essere utile.
Tuttavia per questi problemi vi sono in genere  a disposizione dei trattamenti   efficaci, ai quali l’agopuntura Boel può dare un utile supporto ma non consente di ottenere i risultati conseguibili con i trattamenti in uso.

Questo metodo può sostituire interventi chirurgici oppure trattamenti farmacologici (ad esempio, gocce per gli occhi)?

Assolutamente no; l’Agopuntura 2000 del metodo Boel non deve essere impiegata in sostituzione di un trattamento farmacologico o chirurgico consigliato dal proprio oftalmologo. Anzi, il metodo “si sposa” molto bene con i trattamenti oftalmologici convenzionali, ne potenzia gli effetti e va semmai effettuato in aggiunta, e non certo in sostituzione di questi.

Alla pagina iniziale: HOME

Questo sito è a solo scopo informativo-conoscitivo e non intende in alcun modo dare consigli medici. Prima di intraprendere/modificare/cessare qualunque misura e trattamento medico  occorre consultare  il proprio medico curante ed attenersi alle sue indicazioni.